Gli acciugai emigrati all’estero

Uno scarabocchio sulla carta delle acciughe.

Un episodio curioso: alcuni montanari della Borgata Ghio emigrarono in Francia in modo definitivo.
Così fece Nota, che si stabilì ad Antibes con il marito Sebastiano Rovera ed ebbe tre figli, Marie Gina e Mimì.

Ogni settimana magna Nota, così la chiamavamo, andava col carretto a vendere le acciughe sotto sale al mercato di Vallauris.

Negli anni ’60 ci raccontava che tra i suoi clienti c’era un signore piuttosto originale, un pittore.
Mentre lei gli preparava il cartoccio di acciughe avvolte nella cartapaglia gialla, lui gliene prendeva un foglio e faceva un disegno, uno scarabocchio, diceva magna Nota.

Chissà se qualcuno riesce a indovinare chi era quell’estroso signore?


Un pensiero riguardo “Gli acciugai emigrati all’estero

Rispondi a Sugli acciugai – Associazione Borgata Ghio Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...