Ripristino gioco da bocce

Negli anni ’60, gli abitanti di Ghio costruirono un gioco da bocce dove poter giocare le sfide che fino a quel momento si tenevano sul Calatà: fu un miglioramento enorme.
Il giorno della festa della Madonna si giocavano partite infuocate, alle quali aveva accesso, per merito, anche il più piccolo della borgata, Fabrizio Rovera.
Il campo è stato abbandonato per circa 30 anni ed ora ha ritrovato il suo aspetto ordinato ed è pronto ad accogliere nuovi tornei.

Nella foto: Giampiero Fenocchio, Natalino Rovera, Alberto Rovera, Piercarlo Rovera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...